Milano e il Teatro che non ti aspetti

Milano è una città poliedrica. Si pensa a una città pronta ad offrire una forte economia con i suoi servizi, lavori e possibilità in svariati campi. Ma spesso ci si dimentica della cultura che questa metropoli è in grado di offrire passando sia per le sue bellezze architettoniche come ad esempio: il Duomo di Milano, Castello Sforzesco, i Navigli ma sopratutto Teatri.  Con la T maiuscola. Lo stesso ” Stendhal” sul Teatro la Scala Di Milano, scriveva ” Per me è il primo teatro al mondo, perchè è quello che procura dalla musica i maggiori piacere” e ancora ” Quanto all’architettura è impossibile immagine nulla di più grande “. Incoronava nel vero senso della parola questo Teatro come culla di cultura mondiale. Ma non solo, Infatti sul San Carlo di Napoli scriveva “Gli occhi sono abbagliati,l’anima rapita”. Anche National Geographic ha fatto balzare in avanti come teatri più belle del mondo i nostri due porta bandiere, superando  i prestigiosi  Operà di Parigi, Royal Opera House di Londra e Sydney.

La scala di Milano offre un’acustica migliore per questo secondo National Geographic si merita il primo posto rispetto al San Carlo di Napoli, dedicando però un elogio di bellezza fino all’arrivo della Scala. Infatti la sua architettura a ferro di cavallo ha ispirato molte costruzioni ed ancora oggi è un punto di riferimento e modello ispiratore per molti progetti.

Milano ha dimore nascosti di centri culturali, come il Teatro Piccolo, in zona Brera che ha visto nascere Strehler e Frigerio, non per nulla l’anno scorso  ha registratro un boom di iscritti per la stagione.

Navigazione articoli